Terrorismo USA - America Centrale: 30 anni di dittature militari appoggiate dalla CIA
Ma gli interessi inglesi e americani dove cominciano e dove finiscono?
Andiamo in centro America, dove le dittature militari sono state protagoniste per 30 anni di una complicata storia del terrore su larga scala,
appoggiata e finanziata dagli Stati Uniti.  Anche qui la ragione che ufficialmente legittimava Washington era il pericolo per l'avanzata comunista.


L'alto funzionario David McMichael era responsabile delle stime politiche della CIA per lemisfero occidentale.
DAVID MAC MICHAEL - ex agente della CIA, zona operativa Centro America:
Alla CIA non abbiamo mai creduto che l'America latina potesse divenire un blocco comunista in stile est europeo. Quello che si temeva era che
le nazioni latino americane potessero usare l'appoggio dell'URSS per portare avanti programmi politici e sociali che erano contrari agli interessi di Washington.
Peter Kornbluh è uno dei più stimati politologi d'America, e lavora presso la George Washington University.
E' esperto dellAmerica latina e nel suo ultimo libro, "Il dossier Pinochet", approfondisce,
fra l'altro, proprio il tema della presunta minaccia comunista in quell'area.
PETER KORNBLUH - Politologo george Washington Univ. Washington:
Lasci che le racconti la storia di come Nixon convinse la CIA a fomentare i disordini in Cile dopo la vittoria del socialista Allende.
Pubblicamente dichiarò di voler fermare l'infezione comunista, ma i documenti di stato riportano che in privato Nixon dichiarò al Consiglio di Sicurezza
Nazionale che Allende avrebbe portato nel mondo un modello politico di successo, un modello antagonista agli interessi americani e dunque da distruggere.

Dal 1962, Cuba e la sua popolazione civile entrano nel mirino di Washington. Negli archivi segreti americani si legge:
Documento di Stato: "Top secret. I Capi di Stato Maggiore dell'esercito:
Potremmo fare esplodere una nave americana a Guantanamo e incolpare Cuba. Si potrebbe organizzare una falsa campagna terroristica comunista a Miami o persino a Washington, che deve colpire i rifugiati cubani . Potremmo affondare una barca piena di rifugiati cubani, oppure incoraggiare i tentativi di omicidio contro i rifugiati cubani negli Stati Uniti."
Documento di Stato: "Operazione Mongoose
... abbiamo discusso se minare le acque cubane.... E' stato detto che sono disponibili mine americane non riconoscibili.... potremmo farle piazzare da Cubani.
Documento di Stato: "Operazione Break up:
causare incidenti a navi, aerei o veicoli cubani usando sostanze corrosive."
La contro-insurrezione divenne la parola d'ordine sia per l'America che per le dittature da lei appoggiate, o meglio, divenne un passpartout che giustificava qualsiasi efferatezza. Dal Guatemala, all'Honduras, dal Cile al Paraguay il terrorismo di stato non ebbe limiti. E dal Guatemala arriva un documento di straordinario valore storico: è il disperato appello che il diplomatico americano Viron Vaky spedisce ai suoi superiori nel marzo del 1968, un atto di accusa contro la complicità del suo paese col terrorismo di quegli anni.
Documento di Stato: "La gente viene uccisa o scompare sulle basi di semplici accuse....
gli interrogatori sono brutali, usano la tortura e mutilano i corpi.... Noi abbiamo tollerato la contro insurrezione, l'abbiamo incoraggiata e benedetta.... Siamo talmente ossessionati dalla paura delle insurrezioni che ci siamo sbarazzati di ogni remora.... E così l'omicidio, la tortura e le mutilazioni sono giusti se sono i nostri alleati a farlo e se le vittime sono comunisti....Ma è possibile che una nazione così fedele alla legalità possa così facilmente acconsentire a queste tattiche terroriste?"

Storia Del Terrorismo Di Stato Usa
Bhopal, America Latina, Indonesia, Romero, Kurdistan, Timor, Cecenia