UNA "RIVOLUZIONE CIVILE" FATTA DA "GENTE NORMALE"
Catania 8 febbraio 2013 Antonio Ingroia racconta
il progetto, le ragioni, e le speranze di Rivoluzione Civile:


La situazione è evidente, sotto gli occhio di tutti i noi Cittadini di questo nostro paese,
un paese degradato e umiliato, impoverito, da speculazioni, inquinamento, corruzione,
privazione dei diritti, da Mafie, ruberie, da politicanti che hanno fatto solo
i propri interessi e quelli dei potenti, delle  banche e delle finanziarie
Allora noi vogliamo un' Italia più giusta e più equa, noi siamo per abolire l'IMU sulla prima casa, e per introdurre
la Patrimoniale sui grandi patrimoni, perchè sino ad ora in Italia hanno pagato le tasse sempre gli stessi,
noi vogliamo lottare dalla parte dei lavoratori, voliamo realizzare il dettato dell'articolo 1 della Costituzione:
"L'Italia è una repubblica fondata sul lavoro" e il lavoro deve essere un diritto, vogliamo essere dalla parte delle donne,
vogliamo introdurre il reato di femminicidio, vogliamo ridare dignità alla scuola pubblica, restituendogli
quelle risorse che da troppi anni governi di centro-destra e di centro-sinistra hanno destinato alle scuole private,
Noi vogliamo restituire all'Italia, la dignità !!!