Il miracolo dell'Aquila: 28 settembre 2009 compleanno del Presidente Silvio Berlusconi
il Presidente regala ai terremotati dell'Aquila 400 appartamenti nuovi nuovi,
compresi di arredi, stoviglie, lenzuola, asciugamani, dolcetti e spumante DOC.
E' un vero miracolo di efficienza quello dell'Aquila? Non sono possibili paragoni al mondo?
Si sono abbattuti i costi e i tempi di reinsediamento? E' stata messa a frutto tutta l'esperienza accumulata in Italia nella gestione della fase della prima e della seconda emergenza?
Sono domande utili a farsi. I dati storici e le comparazioni con gli altri eventi
ci aiuteranno a stabilire la misura e la qualità della fatica realizzata.

Un avvertimento è d'obbligo:
la comparazione è naturalmente limitata alla fase attuale dell'emergenza abruzzese.
In Abruzzo la ricostruzione in cemento armato non è ancora iniziata; in Irpinia e in Molise non è invece mai finita
producendo uno scandaloso spreco che Repubblica negli anni, non ha mai smesso di denunciare.
Quindi ci fermiamo ad oggi. E puntiamo i fari unicamente sull'emergenza.

L'emergenza ha due fasi.
Una prima, nelle ore immediatamente successive al sisma, e una seconda. Nella prima sono generalmente da considerarsi gli alloggiamenti in tende. Nella seconda la predisposizione di sistemi abitativi provvisori. I cosiddetti moduli. Essi possono avere due caratteristiche: essere del tipo "leggero" (containers e roulottes) e "pesanti" (casette in legno o in prefabbricato composto). I tempi di realizzazione di questi secondi, nella media nazionale stilata secondo i dati storici (terremoti del Friuli, di Campania e Basilicata, Umbria e Marche e infine Molise), sono di 211 giorni. Una media appunto: dalle prime consegne (in 62 giorni a San Giuliano di Puglia, alle ultime, con il completamento di tutto il piano di reinsediamento abitativo (360 giorni in Irpinia). Nel mezzo la progressiva e graduale sistemazione.

Se dunque volessivo davvero stilare una classifica delle prime case assegnate (m.a.p., moduli abitativi provvisori) con caratteristiche e in numero simili a quelli celebrati ad Onna, dovremmo segnalare questo ordine d'arrivo:

1) Molise (San Giuliano di Puglia), 30 moduli a 82 giorni dal sisma
2) Umbria, 30 moduli a 98 giorni dal sisma
3) Irpinia, 30 moduli a 105 giorni dal sisma
4) Abruzzo, 30 moduli a 116 giorni dal sisma

In effetti le prime case consegnate a L'Aquila datano 2 luglio, realizzate dalla provincia di Trento a Coppito
e destinate al personale della Guardia di Finanza. I primi senzatetto ad essere ospitati abitano invece a San Demetrio
e le hanno ricevute ("a tempo di record", ha scritto il Giornale) il 21 agosto. In estate infatti sono stati consegnati
trenta moduli (21 a San Demetrio e 9 in località Stiffe).

Ritorniamo per un momento alla prima emergenza.
Quel che segue è un raffronto tra il punto più alto dell'efficienza organizzativa (l'Abruzzo) e il punto più basso (l'Irpinia).

A L'Aquila sono state assistite circa 73mila persone nella settimana successiva al terremoto tra alberghi e tendopoli allestite.
In quelle ore i temporaneamente sfollati (che hanno ricevuto solo cibo e cure) ammontano a più di centomila.

in Irpinia, 29 anni fa  (l'area, ad esclusione del Friuli, più lontana da Roma, 340 chilometri dall'epicentro contro
i 119 dell'Aquila) ma molto più grave per entità del danno e ampiezza geografica furono assistite 300mila persone circa. Duecentomila persone in tendopoli, ottantamila persone in roulotte, 20.900 persone in 451 alberghi.
I temporaneamente sfollati (assistiti con cibo e cure sanitarie) ammontavano a circa 500mila.
(Pubblicazione 18 marzo 1981, depositata alla Camera dei deputati).

I tempi di allestimento.
(30 novembre-1 dicembre 1980, 90 mila persone hanno trovato riparo in tendopoli entro sette giorni dal sisma ).
(5-8 dicembre 1980, altre 50mila entro 15 giorni dal sisma ). entro il 15 idicembre 1980 , l resto della popolazione.

I costi di reinsediamento.
A L'Aquila si è deciso di saltare un passaggio che, nei precedenti storici, era ritenuto essenziale:
la costituzione nella prima emergenza di roulottopoli e moduli abitativi in containers.
La scelta ha avuto perciò un costo umano (la vita in tenda è durissima) ed economico.

L'assistenza completa per le persone ospitate soltanto in tendopoli è costata in sei mesi 114 milioni di euro.
A ciò si devono aggiungere i costi in alberghi e in private abitazioni per il resto della popolazione. Proprio in questi giorni
la Protezione civile sta rinegoziando con gli albergatori il prezzo del soggiorno (all inclusive) pro-capite: 50 euro a persona.
Se questa cifra è esatta, per una famiglia di quattro persone si spendono circa 6mila euro al mese.

Il governo ha accettato questi costi e ha impegnato tutte le risorse disponibili (circa 700 milioni di euro)
per la realizzazione delle C.a.s.e., abitazioni tecnologicamente avanzate ed ecocompatibili.
Il loro completamento, previsto per fine dicembre 2009, permetterà di accogliere circa 4500 famiglie.
Il costo a metro quadrato dell'abitazione (sono inclusi i costi di urbanizzazione primaria e secondaria) è di 2400 euro.
Si deve ritenere che l'abitazione, sebbene durevole, sia comunque provvisoria perché
gli assegnatari sono titolari di un distinto contributo per la ricostruzione in cemento della propria casa distrutta.
Sono circa tredicimila le famiglie ad oggi senzatetto.
E molte di esse dunque devono essere ancora per molto tempo assistite altrove.
 

In Irpinia, quindi nel luogo dove più bassa è stata la capacità organizzativa e realizzativa, il piano di reinsediamento
aggiornato al 30 giugno 1981,  in tempi dunque analoghi a quelli previsti per L'Aquila, prevedeva la installazione
di 13.500 prefabbricati pesanti (simili a quelli consegnati a Onna e che oggi vengono chiamate case) nei 36 comuni
del cratere e altri 10mila nei 76 comuni dell'area extraepicentrale. Il costo al metro quadro attualizzato
(al netto però delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria che incidono per il 20-30 per cento) è di mille euro.
Al 15 novembre 1981, circa un anno dopo il sisma, il piano di reinsediamento, in ritardo sul cronoprogramma di circa 45 giorni, sono stati completati e consegnati, su 25586 prefabbricati, 18462 alloggi monoblocco con finanziamenti pubblici.
A cui si aggiungono 2248 prefabbricati donati da enti vari e già consegnati.